Nintendo ha mostrato alcuni screen dalla versione beta di Animal Crossing: New Horizons!

Nuovi screenshot di sviluppo iniziale e concept art per Animal Crossing: New Horizons sono stati mostrati per la prima volta, grazie a una conferenza tenutasi in Giappone. Vediamo insieme in che modo gli sviluppatori hanno dato vita a questo videogioco campione di incassi!

Nintendo ha creato intorno ad Animal Crossing: New Horizons un alone di mistero sin dai primi momenti della sua ideazione: infatti, a differenza dei giochi precedenti della serie Animal Crossing che sono stati rivelati anni prima, abbiamo visto per la prima volta la grafica di New Horizons solo nove mesi prima del rilascio.

A tal proposito, durante il corso della recente conferenza CEDEC 2020 in Giappone, il team di Animal Crossing: New Horizons ha condiviso alcuni screenshot del gioco mai visti prima. Non sappiamo esattamente quando siano state scattate, ma sicuramente prima dell’E3 2019, vista la notevole differenza con quello che è stato, poi, presentato.

Sembra quasi che le versioni iniziali di Animal Crossing: New Horizons somigliassero da vicino al design di Animal Crossing: New Leaf per Nintendo 3DS: l’erba, la texture degli scogli e il design dei ciottoli hanno tutti un aspetto molto simile a quello presente nel capitolo precedente.

Storia diversa invece per gli alberi che hanno sicuramente un aspetto abbastanza simile a quello finale: questi potrebbero essere una delle prime risorse grafiche create e terminate dal team di sviluppo di Nintendo.

Dagli screenshot presentati alla conferenza possiamo anche individuare quella che sembrerebbe essere una versione molto precoce del centro servizi/municipio circondato da ciottoli, esattamente allo stesso modo in cui venivano rappresentati i principali edifici nei titoli precedenti.

Altra cosa degna di nota che si può osservare dallo screenshot: sembrerebbe che inizialmente l’edificio fosse stato concepito per occupare uno spazio molto più piccolo rispetto alla versione finale.

Inoltre, possiamo notare come fossero già stati inseriti dei percorsi intorno all’isola, molto probabilmente utilizzando l’app del Nook Phone Modifica isola. Una minimappa molto semplificata è, infine, visibile nell’angolo in basso a destra dello screenshot: ciò ci dà l’impressione che questa funzionalità fosse già pianificata in anticipo, anche se in modo del tutto approssimativo.

Non possiamo dimenticare delle famigerate staccionate in legno bianco che vediamo nello screenshot subito qui sopra: queste, infatti, erano già apparse nel trailer di presentazione, ma per ora in gioco è possibile trovarle in altri colori e non nella variante bianca. Chissà che in un futuro possano apparire con un aggiornamento!

Qualche dettaglio in più sul design degli abitanti in Animal Crossing: New Horizons

Quegli screenshot non sono stati l’unica sbirciatina dietro il sipario mostrato al CEDEC 2020. Nintendo si è data un gran da fare per ideare e progettare degli abitanti dell’isola e dei personaggi anche in Animal Crossing: New Horizons: molta sperimentazione per creare lo stile unico di ogni villager, soprattutto degli otto nuovi personaggi che hanno fatto la loro apparizione in New Horizons!

Mamma N ha creato dei concept design per questi abitanti: un notevole salto di qualità da un titolo per Nintendo 3DS a bassa risoluzione fino a Nintendo Switch in HD. Ciò, infatti, ha richiesto un importante lavoro di riflessione su come creare i loro progetti design e migliorarli di conseguenza.

Nelle immagini sottostanti, possiamo vedere Bob usato come esempio per illustrare questi cambiamenti.

Studio degli arredi e degli oggetti presenti in Animal Crossing: New Horizons

Infine, la presentazione degli sviluppatori del videogioco ha approfondito in modo sorprendente il design dei mobili: come tutti sappiamo, in Animal Crossing: New Horizons una grande attenzione è stata posta sull’arredamento e sulla sua personalizzazione con molte possibili varianti per ogni articolo.

Animal Crossing: New Horizons ha introdotto nella serie anche il concetto di arredo da esterno, con alcuni articoli che si possono acquistare con le miglia Nook come il Faro (Blu) specificamente destinati all’uso all’aperto. Tuttavia, questi elementi da esterno possono essere posizionati anche all’interno creando un problema in cui devono essere ben progettati per entrambe le situazioni.

Pertanto, è stato necessario stabilire uno standard coerente di scala di altezza per i mobili sia all’interno che all’esterno: è abbastanza incredibile vedere quanto lavoro dettagliato sia stato dedicato ai mobili nel gioco, se ogni elemento ha avuto questa preparazione concettuale.

Nonostante ciò non ci renda appagati dalla quantità di arredi che possono abbellire le nostre isole, tale sforzo ci fa comprendere come potrebbero non essercene altri.

Acquista Animal Crossing: New Horizons!
Acquista il bundle del gioco o, altrimenti, ordina la chiave digitale per giocarci fin da subito. Spedizione senza costi aggiuntivi per gli abbonati ad Amazon Prime. Per l'occasione, abbonati al periodo di prova di Amazon Prime. Include Twitch Prime.

E voi cosa ne pensate? Avreste mai immaginato che dietro la creazione di un videogioco ci fosse un tale lavoro di programmazione e invettiva? Fatecelo sapere con un commento qui sotto o sul nostro Forum.

Infine, vi ricordiamo di continuare a seguirci sui nostri canali social come la Pagina Facebook o l’account Telegram per rimanere sempre aggiornati riguardo Animal Crossing: New Horizons e tutte le notizie sul Mondo Nintendo correlate.

Fonte: #1.
Pubblicato da Chiara Brogi. Aggiornato da Luca Manca.

Commenta l'articolo!

Cosa ne pensi dell’articolo che hai appena letto? Sentiti libero di dire la tua, lasciando un commento qui sotto.
Prima di farlo, però, assicurati di aver letto il regolamento della nostra Community: ricordati che ogni contenuto da te pubblicato potrà essere soggetto a moderazione.

Risposte presenti nella discussione sul nostro Forum